Confronta gli annunci

Certificazione Energetica Obbligatoria

Certificazione Energetica Obbligatoria

Certificazione Energetica Obbligatoria:

fin dalla messa in pubblicità dell’immobile

La Legge Regionale 29 giugno 2009 n. 10 prevede una sanzione amministrativa compresa tra i 5.000 € e i 20.000 € per coloro i quali non alleghino, secondo le tempistiche previste dalla legge, il Certificato Energetico all’atto di compravendita di un immobile.

Ma non solo per le vendite immobiliari ma anche per gli affitti la certificazione energetica è obbligatoria.

Il locatore che dal 1 Luglio 2010 non consegni al conduttore al momento del contratto il Certificato Energetico incorre in una sanzione amministrativa dai 2500 € ai 10000 €

Inoltre con la Legge Regionale del 21 Febbraio 2011 n. 3 si è resa obbligatoria la dichiarazione della classe e dell’indice di prestazione energetica in tutti gli annunci commerciali finalizzati alla vendita o locazione

Occorre precisare però che, l’entrata in vigore di quanto previsto dal solo Art. 17, comma 1, lettera a della stessa legge regionale è subordinato a successive disposizioni della Giunta Regionale Lombarda.

1. Cos’è la certificazione energetica?

E’ una procedura che consente, attraverso una metodologia di calcolo standardizzata, di classificare un edificio in base alle caratteristiche energetiche che lo contraddistinguono. Il risultato della certificazione energetica di un edificio viene espresso mediante la redazione di un attestato di certificazione energetica (ACE): ad ogni edificio viene assegnata una classe energetica (da A+ a G), così da consentire agli utenti finali di effettuare un semplice e rapido confronto con le caratteristiche energetiche di altri edifici certificati.

2. Quando serve l’attestato di Certificazione Energetica?

Dell’attestato di certificazione vanno dotati tutti i fabbricati oggetto di compravendita, nonché quelli di nuova costruzione oppure oggetto di lavori di ristrutturazione.

In particolare nei seguenti casi:

A partire dal 1 settembre 2007 per il rogito di un immobile A partire dal 1 luglio 2010 per gli edifici e le singole unità immobiliari soggette a locazione con contratto stipulato successivamente a tale data.

Per avere la possibilità di accedere alle detrazioni fiscali del 55% sull’IRPEF a seguito di interventi di riqualificazione energetica.

Per le imprese edili, nel caso di nuove costruzioni o ristrutturazioni/ricostruzioni che coinvolgono più’ del 25%, è necessario avere la certificazione energetica al termine lavori

3. Chi rilascia l’attestato di certificazione energetica?

L’attestato di certificazione energetica (ACE) deve essere rilasciato da un certificatore abilitato ed iscritto all’albo. Le recenti modifiche legislative hanno dato il via all’albo dei certificatori energetici.

Il Certificatore provvederà a:

Effettuare il sopralluogo dell’abitazione e reperire tutti i dati necessari alla redazione dell’ACE Aprire la pratica presso il Catasto Energetico e redigere l’Attestato attraverso il software CENED+, secondo la Procedura di Calcolo vigente in Regione Lombardia.

Ottenere la ricevuta del Catasto Energetico In caso di intervento di riqualificazione energetica, gestire la pratica presso il sito dell’ENEA Consegnare al Cliente ACE, ricevuta del Catasto Energetico (ed eventualmente ricevuta dell’ENEA) e relazione tecnica che illustri le modalità’ di redazione dell’Attestato

4. Per quanto è valido un attestato di certificazione energetica?

L’attestato di certificazione è valido 10 anni,tale validità non viene inficiata dall’emanazione di provvedimenti di aggiornamento del decreto stesso, della procedura di calcolo oppure introduttivi della certificazione energetica di ulteriori servizi quali, a titolo esemplificativo, la climatizzazione estiva e l’illuminazione.

5. Che cosa serve per la certificazione energetica?

Al momento del sopralluogo del certificatore servirebbe avere la documentazione relativa a:

Anno di costruzione e Planimetria dell’abitazione con indicazione dei dati catastali (se il permesso di costruire e’ successivo al 1/09/2007, e’ necessaria anche la Relazione Tecnica) Libretto di manutenzione (obbligatorio per legge) dell’impianto di riscaldamento (*) Prova fumi non più’ vecchia di 2 anni (*) Ogni altra documentazione inerente l’edificio-impianto faciliterà’ la pratica di certificazione e contribuirà’ a diminuirne i costi

(*) nel caso di impianto autonomo. In caso di impianto centralizzato, e’ necessario fornire il nome dell’Amministratore di Condominio con cui il Certificatore potrà’ interfacciarsi.

6. In caso di vendita o acquisto di un immobile chi deve pagare la certificazione?

Sempre il proprietario dell’immobile.

(Visited 2 times, 1 visits today)
img

Gianni Paparella

Post correlati

Appartamento in Stabile d’Epoca

Quando un appartamento lo si può considerare d’epoca  Tra gli appartamenti di pregio più...

Continua a leggere
Gianluca Cassigoli
di Gianluca Cassigoli

CEDOLARE SECCA

AFFITTO APPARTAMENTI MILANO - CEDOLARE SECCA È entrato in vigore, per gli appartamenti in...

Continua a leggere
Valentina Pirina
di Valentina Pirina

Attico a Milano

Attico a Milano ATTICO: Cos’è o cosa significa? Per attico si intende un appartamento sito...

Continua a leggere
Valentina Pirina
di Valentina Pirina

Partecipa alla discussione